chiudi

Ufficio Reclami di Più Mutui Casa


Il Cliente può presentare reclamo in relazione al contratto di mediazione creditizia sottoscritto con Più Mutui Casa Spa mediante comunicazione a mezzo lettera raccomandata da inviare a Più Mutui Casa Spa, via Carolina Romani 2, 20091, Bresso (Mi) o mediante e-mail all'indirizzo ufficioreclami@piumutuicasa.it o mediante pec all'indirizzo piumutuicasa@pec.it indicando:
  • nominativo/denominazione del Cliente;
  • recapiti telefonici/mail del Cliente;
  • data della sottoscrizione del contratto di mediazione;
  • motivazione del reclamo;
  • richiesta nei confronti di Più Mutui Casa Spa
Si precisa che l'ABF (l'Arbitro Bancario Finanziario) non è competente per la risoluzione delle controversie eventualmente sorte con Più Mutui Casa Spa. Tale organismo infatti è competente per i ricorsi che il Cliente volesse presentare nei confronti degli Intermediari eroganti (Banche e Intermediari finanziari iscritti nell'albo di cui all'art. 106 TUB). Per tale ragione, a beneficio del Cliente, Più Mutui Casa Spa mette a disposizione del cliente, nella sezione Trasparenza, la Guida "ABF in parole semplici" predisposta da Banca d'Italia.

I dati personali saranno trattati come da Informativa Privacy disponibile qui

DOWNLOAD
• Rendiconto 2019 sull'attività di gestione reclami
• Rendiconto 2020 sull'attività di gestione reclami


Più Mutui Casa S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi n°M65
Iscrizione RUI E000252674 - P.IVA 03287960961

Blog

Più Mutui Casa

Prolungata la moratoria dei mutui: ecco chi può ancora accedere




Pubblicato il 04-02-2021

Comunicazione importante, rivolta a tutti coloro che si trovano in difficoltà con il pagamento delle rate: continua la moratoria sui mutui, per effetto a onda lunga del Decreto legge  18/2020 che ha immesso altri 400 milioni di euro nel Fondo Gasparrini, al quale si attingerà fino al termine delle risorse.

Facciamo subito chiarezza: il fondo Gasparrini è il fondo di solidarietà per i mutui prima casa che, in presenza di situazioni di temporanea difficoltà economica di nuclei familiari, consente la sospensione del pagamento delle rate senza alcuna procedura esecutiva sull’immobile in garanzia di mutuo. La sospensione, valida per un tempo massimo di 18 mesi e per non più di due volte, permette di congelare le rate nella misura della quota capitale e del 50% degli interessi: il fondo sostiene le rate e la durata del mutuo si allunga di un periodo pari a quello dell’interruzione.

Con il Decreto legge Ristori sono state confermate due deroghe risalenti alla prima fase della pandemia Covid.
La prima consente la richesta di sospensione ai mutui in ammortamento da meno di un anno.
La seconda, che durerà fino al 31 dicembre 2021, è la procedura breve della moratoria, ovvero la sospensione immediata del mutuo da parte della banca allo scattare della presentazione della domanda e senza dover aspettare la valutazione da parte della Consap.
La domanda deve essere inoltrata – assieme ai documenti che attestino l’ottemperanza ai requisiti richiesti – alla banca che ha erogato il mutuo, tramite il modulo messo a disposizione da Consap sul proprio sito.

Carlo Chidini, presidente di Più Mutui Casa – società di mediazione creditizia di Gruppo Tempocasa – commenta così la situazione attuale e le prospettive di scenario che questa moratoria apre a medio-lungo termine: «Il provvedimento si è reso necessario per il protrarsi dell’emergenza sanitaria in corso, e probabilmente – non potendo intravedere la fine della suddetta emergenza – conoscerà ulteriori proroghe. La moratoria è un supporto essenziale, ma d’altro canto il mercato finanziario è preoccupato riguardo l’uscita da questa crisi. In altre parole, non si sa con quali redditi gli italiani affronteranno i pagamenti nel momento in cui arriverà lo sblocco. Alcune attività potrebbero essere modificate e il sistema bancario teme un’eventuale insolvenza diffusa. L’incertezza crea tensione e gli strascichi sono ancora inintelligibili. Per ora si tiene il piede sul freno poiché non si vede l’uscita dalla curva, ma quando quel piede verrà staccato sapremo se la macchina riuscirà a tenere il passo e se le sue ruote sapranno ancora tenere la strada».




Autore:
Redazione Più Mutui Casa
Società di Mediazione Creditizia