chiudi

Ufficio Reclami di Più Mutui Casa


Il Cliente può presentare reclamo in relazione al contratto di mediazione creditizia sottoscritto con Più Mutui Casa Spa mediante comunicazione a mezzo lettera raccomandata da inviare a Più Mutui Casa Spa, via Carolina Romani 2, 20091, Bresso (Mi) o mediante e-mail all'indirizzo ufficioreclami@piumutuicasa.it o mediante pec all'indirizzo piumutuicasa@pec.it indicando:
  • nominativo/denominazione del Cliente;
  • recapiti telefonici/mail del Cliente;
  • data della sottoscrizione del contratto di mediazione;
  • motivazione del reclamo;
  • richiesta nei confronti di Più Mutui Casa Spa
Si precisa che l'ABF (l'Arbitro Bancario Finanziario) non è competente per la risoluzione delle controversie eventualmente sorte con Più Mutui Casa Spa. Tale organismo infatti è competente per i ricorsi che il Cliente volesse presentare nei confronti degli Intermediari eroganti (Banche e Intermediari finanziari iscritti nell'albo di cui all'art. 106 TUB). Per tale ragione, a beneficio del Cliente, Più Mutui Casa Spa mette a disposizione del cliente, nella sezione Trasparenza, la Guida "ABF in parole semplici" predisposta da Banca d'Italia.

I dati personali saranno trattati come da Informativa Privacy disponibile qui

DOWNLOAD
• Rendiconto 2019 sull'attività di gestione reclami
• Rendiconto 2020 sull'attività di gestione reclami


Più Mutui Casa S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi n°M65
Iscrizione RUI E000252674 - P.IVA 03287960961

Blog

Più Mutui Casa

Mutui: tassi invariati anche per il 2021 




Pubblicato il 28-01-2021

Se nel 2020 compravendite immobiliari e prezzi hanno registrato un inevitabile calo dovuto all’emergenza Covid, il nuovo anno potrebbe segnare la ripresa del Real estate. E il momento, per te che stai cercando casa, potrebbe essere il più propizio. 
A confermarlo non è solo l’andamento del comparto di queste prime settimane, ma anche e soprattutto l’andamento del ramo mutui. Dopo l’ultima riunione della BCE (la Banca centrale europea), in agenda il 21 gennaio, il presidente Christine Lagarde ha confermato la volontà di lasciare invariati i tassi d’interesse e ha ribadito che, nei prossimi mesi, potrebbero subire ulteriori variazioni ma solo al ribasso.
La politica adottata dalla Bce, allora, non potrà che favorire la domanda di mutui da parte delle famiglie, che anche nel 2021 potranno approfittare ancora dei tassi bassi sui finanziamenti. Chiedere un mutuo si rivelerà, dunque, un’ottima idea.

Il primo parametro da considerare, infatti, è il costo del mutuo stesso. Detto altrimenti, i tassi d’interesse: l’Euribor, cioè il parametro di indicizzazione dei mutui a tasso variabile, parla chiaro. L’andamento a un mese è in ribasso, con una percentuale che è passata da -0,554% a -0,563%. Quello a tre mesi (la base per i contratti di mutuo a tasso variabile) è in leggero rialzo, da -0,543% a -0,539%. Dall’altra parte, sul fronte dei tassi fissi, la situazione cambia di poco: a fronte di un minimo incremento delle percentuali, la scelta non smette di essere vantaggiosa. Lo evidenzia l’andamento dell’Eurirs, il parametro di indicizzazione dei mutui a tasso fisso: quello a dieci anni è in rialzo da -0,22% a -0,2%, mentre quello a 25 è passato dallo 0,08% a 0,11%.

L’instabilità economica e lavorativa è una delle preoccupazioni maggiori delle famiglie italiane. Ma come già detto, il 2021 potrà segnare un aumento delle richieste di finanziamento. Per capire se arriverà un miglioramento sul fronte economico bisognerà invece aspettare l’andamento e l’efficacia delle vaccinazioni. Solo allora si avranno maggiori sicurezze anche per quanto riguarda i tassi e le richieste di mutuo.




Autore:
Redazione Più Mutui Casa
Società di Mediazione Creditizia