chiudi

Ufficio Reclami di Più Mutui Casa


Il Cliente può presentare reclamo in relazione al contratto di mediazione creditizia sottoscritto con Più Mutui Casa Spa mediante comunicazione a mezzo lettera raccomandata da inviare a Più Mutui Casa Spa, via Carolina Romani, 2 - 20091 BRESSO (MI) o mediante e-mail all'indirizzo ufficioreclami@piumutuicasa.it indicando:
  • nominativo/denominazione del Cliente;
  • recapiti telefonici/mail del Cliente;
  • data della sottoscrizione del contratto di mediazione;
  • motivazione del reclamo;
  • richiesta nei confronti di Più Mutui Casa Spa

DOWNLOAD
• Rendiconto 2019 sull'attività di gestione reclami


Più Mutui Casa S.p.A.
Iscrizione Elenco Mediatori Creditizi n°M65
Iscrizione RUI E000252674 - P.IVA 03287960961

Blog

Più Mutui Casa

È meglio acquistare o affittare una casa? Ecco i nostri consigli




Pubblicato il 23-09-2020

Meglio acquistare o affittare una casa? Una domanda di non poco conto. Una di quelle con cui tutti prima o poi ci troviamo a dover fare i conti. E di fronte a cui spesso e volentieri vacilliamo. Perché l’unica verità è che non esiste una risposta univoca e universalmente valida a questo quesito. Anzi, è necessario valutare con puntualità i pro e i contro di entrambe le casistiche e tenere conto di fattori finanziari e personali quando ci si trova di fronte a questo bivio. Facciamo però insieme delle riflessioni generali sulla questione. 

Comprare casa, tra dubbi e vantaggi

Da sempre, per gli italiani, comprare un immobile rappresenta una fonte di investimento certa, oltre che una forma di tutela e sicurezza maggiore. 
Anche se, stando a quanto riferisce una recente ricerca promossa da Doxa, le cose - negli ultimi anni - stanno notevolmente cambiando. Sì, perché complice il clima generale di incertezza, (soprattutto) per i giovani di oggi fare progetti è diventato estremamente difficile. Quando si arriva cioè di fronte al bivio “comprare o affittare”, fare un programma a lungo termine può rivelarsi estremamente complesso, dal momento che le variabili da tenere in considerazione sono davvero molte. E i dubbi che attanagliano gli acquirenti prima dell'acquisto non sono di poco conto: quanto mi costerà complessivamente questa casa? Riuscirò a ottenere il mutuo? Saranno rate sostenibili per me? Tutte tematiche che possono destabilizzare - e non poco - anche il compratore più convinto. 
Fatto salvo per i costi fissi iniziali, c’è da dire però che le attuali condizioni di mercato non potrebbero essere più favorevoli: con prezzi al metro quadro che rimangono contenuti e tassi di interesse molto bassi, come sono quelli attuali, comprare casa è attualmente più conveniente che optare per l’affitto.  
Quanto alle spese straordinarie da prevedere per la manutenzione dell’immobile (altra grande preoccupazione dei più), non ci si può nascondere: a differenza di quanto accade per le soluzioni in affitto, ovviamente sono sempre a carico di chi acquista.  Va detto però che comprare casa consente in primis di svolgere in maniera del tutto arbitraria qualsiasi tipo di lavoro, budget permettendo. E, in seconda battuta, anche di poter usufruire di incentivi statali. Pensiamo ad esempio agli ecobonus che ogni anno vengono rinnovati e permettono a chi acquista di effettuare interventi di ristrutturazione ottenendo importanti detrazioni fiscali o, addirittura, sconti in fattura.

Non solo. Tra i grandi “pro” come non citare poi la possibilità di guadagno che, a lungo o a breve termine, un immobile può generare. Secondo le ultime ricerche effettuate da Il Sole 24 ore sono sempre di più gli italiani che acquistano appartamenti da mettere poi in locazione a studenti o turisti, così da poter avere un ulteriore reddito che consente loro di pagare con più tranquillità le rate del mutuo.

Andare in affitto, conviene davvero?

Come abbiamo lasciato intendere prima, acquistare una casa comporta sempre una serie di spese collaterali che vanno tenute in considerazione: dalle spese del notaio, a quelle d’agenzia, passando per le pratiche bancarie i costi non sono pochi. Nel caso dell’affitto invece, tutti questi costi sono praticamente azzerati. 
Ma non finisce qui, perché - va detto - optare per una soluzione in affitto non richiede un consistente capitale iniziale e consente di investire i propri risparmi in altre risorse.
Solitamente, infatti, al momento della firma del contratto sono richieste tre o sei mensilità di anticipo come deposito cauzionale, che naturalmente verrà restituito al termine della locazione. Insomma, questa può essere la soluzione più idonea con chi non dispone di grandi somme immediate. Consideriamo però che il canone di locazione mensile versato al locatore, andrebbe perso e alla fine ci si potrebbe ritrovare con un pugno di mosche e senza una dimora sicura. Vivere in affitto significa anche questo del resto: una situazione di precarietà prolungata nel tempo. Può accadere infatti, che il proprietario di casa a scadenza del contratto, decida di non rinnovare. La conseguenza? Bisognerà cercare un nuovo immobile da affittare e in alcune città può rivelarsi estremamente difficile. 
Se è vero poi che gli interventi straordinari sono a carico del locatore, tutti quelli ordinari rimangono sulle spalle dell’affittuario. E a questo si aggiunge il fatto che ogni intervento sull’immobile dovrà essere naturalmente concordato con il proprietario di casa.

Qual è la soluzione migliore?

Prendere una decisione non è semplice poiché come abbiamo visto, entrambe le soluzioni potrebbero generare degli svantaggi da non sottovalutare. Senza contare che stiamo parlando di una scelta di vita.
Quindi, come già ampiamente detto, il consiglio rimane sempre quello di valutare con attenzione la propria condizione economica, la certezza delle entrate mensili, la sostenibilità della rata del mutuo o del canone di locazione, la certezza di non dover cambiare città, così come la zona da scegliere, prima di prendere una decisione. 
In poche parole, non vi è una scelta migliore dell’altra: tutto dipende dai fattori sopra indicati. Certo è che in possesso dei requisiti giusti, non approfittare delle condizioni attuali del mercato immobiliare e finanziario significherebbe sprecare una grande occasione di investire in un futuro più stabile e certo.




Autore:
Redazione Più Mutui Casa
Società di Mediazione Creditizia